-->

Veneto: non solo Prosecco

Il Veneto ha una storia vinicola che non si discute. Moltissime aree vocate e dalla grande tradizione produttiva. La regione che detiene il record italiano nella quantità di vino prodotto: circa 9 milioni di ettolitri l’anno!

La Valpolicella è senz’altro il fiore all’occhiello di questa splendida regione, dal punto di vista della qualità. Le 4 perle prodotte in questa splendida e ridente vallata sono: il solido e versatile Valpolicella Classico, il ricco e denso Valpolicella Ripasso, il possente Amarone e uno straordinario nettare rosso passito chiamato Recioto. Le uve di questi vini sono autoctone della zona e non trovano replica altrove, se non per il veronese Bardolino del Lago di Garda: Corvina, Molinara e Rondinella.

Altra zona vinicola superba è senz’altro quella di Conegliano e Valdobbiadene, in provincia di Treviso. Qui viene spumantizzata, con il Metodo Charmat, la “bollicina” più venduta nel mondo: il Prosecco e il Cartizze di Prosecco.

A Soave, in provincia di Verona, viene invece prodotto il vino bianco più famoso del Veneto. Il profumato Soave appunto, basato sui vitigni autoctoni Garganega e Trebbiano di Soave.

La tradizione in cucina è anche in Veneto, straordinaria. Le Sarde in Saor, per approdare ai Bigoli, un particolare tipo di pasta, i Risi e Bisi, il Baccalà alla Vicentina, il Fegato alla Veneziana, la Pastissada de Caval. Per non dimenticare le dolcissime Fritole e i Galani Veneziani.

Le cantine

Lascia un Commento