Il Friuli Venezia Giulia: vini in evoluzione

Un paesaggio affascinante, con grotte carsiche e ripidi pendii che scendono verso il mare, fa da sfondo a un “vigneto chiamato Friuli”, slogan coniato negli anni ’70 che identifica alla perfezione la ricchezza del patrimonio vitivinicolo di questa regione, con vitigni di antichissima tradizione che convivono con le varietà internazionali più prestigiose, con vini in grande evoluzione.

Una breve storia

Il Friuli Venezia Giulia affonda le sue radici in un passato molto lontano, quando Giulio Cesare fondò l’attuale Cividale, dopo la conquista del territorio da parte dei Romani nel 182 a.C. Già nell’XI e XII secolo documenti storici attestavano l’esistenza di varietà locali come ribolla, picolit e refosco. Nel XIX secolo arrivano varietà internazionali che il Conte Theodor de La Tour porterà nel 1868 a Villa Russiz. L’arrivo della fillossera e i due conflitti mondiali distrussero gran parte delle vigne, che i contadini friulani ricostruirono negli anni ’60 con grande caparbietà. Gli anni ’70 hanno rappresentato il rinascimento con produttori pionieri della qualità, che introdussero contenitori di acciaio e le presse orizzontali, mentre negli anni ’80 si diffuse il legno. Oggi, i vini friulani sono in grande evoluzione costituiti da un mix vincente tra varietà autoctone e internazionali, che ben si si sono adattati ai terreni del Friuli.

Il clima e il territorio

Il Friuli Venezia Giulia è la regione più nord-orientale d’Italia, incastonata tra Slovenia, Austria e Veneto, occupata da montagne (43%), pianura (38%) e colline (19%). La zona montana comprende la Carnia e la sezione finale delle Alpi Carniche e Giulie, con un clima rigido e piovoso, che non rende possibile una vantaggiosa coltivazione della vite. La zona collinare è la più vocata alla viticoltura, con un terreno tipico chiamato flysch di Cormòns, costituito da rocce friabili marnoso-arenacee creato dai detriti di limo, argille e sabbie. In collina le escursioni termiche e l’esposizione a sud favoriscono la perfetta maturazione della vite dando vini dotati di buona struttura e mineralità. In pianura il clima è temperato e umido e si divide in: alta e bassa pianura. L’ Alta Pianura corrisponde alla zona Grave del Friuli, con terreni che derivano da ghiaie e detriti trascinati dai ghiacciai, dove molte varietà si sono adattate con ottimi risultati. I magredi sono terreni magri e permeabili, con pochissima e terra che copre a malapena i ciottoli levigati dal fiume, danno basse rese e permettono di ottenere vini bianchi freschi e fruttati. La Bassa Pianura risente della favorevole influenza del mare, che rende il clima più mite, e presenta terreni sabbioso-argilloso e ricchi di minerali. Nella piana dell’Isonzo presenta terreni ciottolosi e ricchi di ferro, che permettono produzioni di qualità di uve a bacca bianca. Infine la zona costiera verso Trieste e l’Istria presenta terreni ricchi di calcare con un clima submediterraneo e i vigneti sono protetti dalle colline, dando vini rustici e forti.

I VINI ROSSI DEL FRIULI

Terre del Faet Rosso del Faet - Collio DOC Merlot - 2018

IN OFFERTA

20,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

20,00

IN OFFERTA

20,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

20,00

I vitigni e i vini

In Friuli Venezia Giulia prevalgono in maniera netta le uve a bacca bianca, autoctone ed internazionali. Il pinot grigio è il vitigno più coltivato: vinificato in bianco dà vini fini ed eleganti con sentori di ginestra, acacia e mela. Lo chardonnay dà vini freschi e di buona eleganza, con note di mela golden, frutta tropicale e cedro. Il sauvignon trova il suo ambiente ideale sulle colline del Collio e dei Colli Orientali del Friuli e nella zona d’Isonzo, dove esprime al meglio i suoi profumi incisivi di bossa e foglia di pomodoro, salvia e peperone fresco. Il pinot bianco esprime grande finezza e in questa regione ha trovato il suo habitat naturale e regala sentori di pesca, mela e fiori di campo. Passando ai vitigni autoctoni, il tocai friulano o friulano è l’emblema del Friuli e offre ottima struttura e profumi di biancospino con un finale ammandorlato. La ribolla gialla regala freschezza e sentori di frutta esotica, pompelmo e mela sono le sue doti migliori, esaltati dalla vinificazione in acciaio. La malvasia istriana regala sentori di albicocca e matura tardivamente, nella zona delle Grave e del carsico. Sempre nella zona carsica la vitovska matura tardivamente e dà notevoli risultati in purezza, con sentori di pera e salvia. L’acinellatura del grappolo del picolit porta allo sviluppo di pochi acini molto ricchi di sostanze estrattive, che lo rende adatto all’appassimento e alla produzione di un vino dolce fresco con sentori di miele e vaniglia. Il verduzzo friulano si esprime al meglio a nord di Udine e regala sempre vini dolci con note caramellate e di acacia. Tra le varietà internazionali rosse il merlot dà vini pieni e ricchi di colore con note di frutti di bosco, il cabernet franc si esprime bene nel territorio delle Grave con sentori erbacei, ricco di acidità e tannino, il cabernet sauvignon dà vini più caldi con profumi erbacei, infine il pinot nero da profumi eleganti soprattutto nelle zone collinari e dell’Isonzo. Tra gli autoctoni a bacca rossa troviamo il refosco dal peduncolo rosso, lo schioppettino, pignolo e tazzelenghe. Uve diverse, accumunate da grandi sentori fruttati.

I VINI BIANCHI DEL FRIULI

IN OFFERTA

40,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

40,00

IN OFFERTA

23,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

23,00

IN OFFERTA

17,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

17,00

IN OFFERTA

17,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

17,00

IN OFFERTA

17,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

17,00

IN OFFERTA

17,00
Sul Collio Cormonese, al confine con la Slovenia, le particolari condizioni microclimatiche rendono la zona ideale alla produzione di vini bianchi di pregio.
In questo ambiente, nasce negli anni ‘50 l’azienda vitivinicola Terre del Faet. Dopo una vita da mezzadri, Mario Bon e Maria Petruz acquistano un piccolo terreno e impiantano le prime viti. Dagli stessi vitigni, oggi, è il nipote Andrea Drius ad ottenere grandi vini di spessore.

IN OFFERTA

17,00

Le zone vitivinicole

Il Friuli Venezia Giulia si divide in: provincia di Udine (Lison-Pramaggiore, Latisana, Annia e Aquileia), Grave, Friuli Colli Orientali, Isonzo e Carso. La zona di Lison-Pramaggiore è molto vocata per la produzione di vini eleganti e strutturati. Qui si coltivano cabernet sauvignonfrancfriulano chardonnay e si ottiene il vino Lison Tai DOCG. Nella zona Latisana pinot grigio e friulano danno vini bianchi di grande pregio. La denominazione Friuli-Annia presenta buone escursioni termiche, dove friulano pinot grigio danno una singolare struttura e ricchezza di profumi. La denominazione Friuli-Aquileia presenta terreni sabbioso-argillosi e offrono vini dotati di buona mineralità. Il Friuli-Grave interessa le province di Pordenone e Udine; presenta un terreno di origine alluvionale, grossolano a nord, più minuto man mano che il fiume e i suoi affluenti proseguono lungo il corso. Qui pinot grigiochardonnay friulano hanno trovato il proprio ambiente ideale. Verso est si estende la denominazione dei Friuli Colli Orientali che comprende 5 sottozone: Cialla, Schioppettino di Prepotto, Ribolla Gialla di Rosazzo, Pignolo di Rosazzo e Refosco di Faedis. Cialla è protetta da boschi di castagni e querce e la valle è percorsa della vora che condiziona le escursioni termiche; qui si coltivano ribolla gialla, picolit e verduzzo friulano. Schioppettino di Prepotto è un’isola a bacca nera dove lo Schioppettino regna sovrano. Ribolla Gialla di Rosazzo e Pignolo di Rosazzo identificano gli omonimi vini prodotti in tre comuni ai piedi dell’Abbazia di Rosazzo. Il Refosco di Faedis interessa solo 47 ettari dei 5 comuni più a nord-est della denominazione, dove il refosco si esprime al meglio e dà un colore rubino intenso, note erbacee e di frutta a bacca nera matura. Qui nasce il Ramandolo DOCG, in vigneti situati tra i 250-400 metri ed esposti a mezzogiorno. Friuli Colli Orientali Picot DOCG e Picolit Cialla DOCG sono veri fuoriclasse ed emanano sentori di fiori, miele d’acacia e frutta sciroppata. Rosazzo DOCG è un vino di grande personalità, con un colore è giallo dorato e un gusto secco e armonico, ricco, setoso e minerale. Collio DOC è caratterizzato da un tenue colore paglierino, con riflessi che variano dal verdognolo al dorato più o meno intenso. I sentori fruttati sono netti ed intensi, al palato una gradevole morbidezza e spiccata sapidità. La denominazione Friuli-Isonzo si estende tra la Valle dell’Isonzo e l’alta pianura della provincia di Gorizia. Anche qui la protezione delle montagne, la vicinanza del mare crea le escursioni termiche per ottenere vini profumati, strutturati, minerali e vocati per l’invecchiamento. Le caratteristiche organolettiche del Friuli Isonzo Friulano DOC prevedono un colore giallo paglierino con riflessi verdolini. Il profilo olfattivo del vino è delicato, piacevole, caratteristico e al palato risulta secco, caldo, di corpo, armonico. La zona del Carso presenta straordinari fenomeni geologici come le doline, i laghi e i fiumi carsici e le numerose grotte. La terra è rossa perché ricca di ferro, sassosa e arida perché trattiene a fatica l’acqua e da nord-est soffiano raffiche impetuose della bora. Il territorio dona ai vini bianchi il loro bel colore giallo paglierino, che talvolta presenta riflessi dorati più o meno intensi. Al palato la sensazione è di gradevole morbidezza, mentre al naso dominano profumi netti ed intensi fruttati, talvolta speziati, tipici dei vari vitigni di origine. I vini rossi hanno un colore rosso rubino intenso talvolta violaceo, al naso mostrano una netta personalità caratterizzata sovente da toni erbacei gradevoli e decisi, dalla struttura e dall’acidità buona, talvolta marcata come nel vitigno Terrano.

La gastronomia del Friuli Venezia Giulia

La cucina friulana è figlia della storia di una regione di confine. Il riflesso delle cucine austroungarica e slava si ritrovano nel gulasch e nella jota, minestra a base di crauti, fagioli e patate, carne di maiale, musèt e bruàde, perfetti con un Friuli Aquileia Refosco dal peduncolo rosso. In montagna prevalgono i piatti rustici accompagnati dalla polenta. Ricette insuperabili sono il frico (montasio fresco fritto nel burro, con patate e cipolle), i cjalson della Carnia (ravioli ripieni originali, tra cui cioccolato, ricotta affumicata e pepe nero), da provare con un sauvignon, vino ideale da provare anche con le uova e gli asparagi di Tavagnacco. Sulla costa triestina la cucina risente della raffinata influenza veneziana, con il brodetto alla triestina che si accompagna perfettamente con un vino bianco. Il prosciutto di San Daniele, il montasio e la pitina (polpetta speziata con carne di capra) si abbinano rispettivamente a: friulano, picolit e friuli grave cabernet. La scarpena (scorfano), bollita alla dalmata e il gulasch di pesce si abbinano con Carso Vitoska giovane, per finire la gubana di Cividale, pasta arrotolata e ripiena di frutta secca, così come lo strudel di ricotta e mele verdi sono straordinari con un bicchiere di Ramandolo.

RESPIRA LA NOSTRA CONVIVIALITÁ: CONDIVIDI!

Suggerimenti

{{{name}}}

Categorie

{{attributes.parentCategory}} {{{name}}}

Produttori

{{{name}}}

Prodotti consigliati

{{{name}}}
{{attributes.Price}}